lunedì 30 novembre 2009

Ho vissuto in apnea...


Stasera mi sono resa conto con amarezza che mi sto facendo travolgere un pochino dagli eventi in questi giorni... E' come se vivessi in apnea: faccio quello che deve essere fatto. Ho talmente tante cose in sospeso da fare alle quali si aggiungono quelle quotidiane che a volte mi sembra di essere un po' automa e alla fine appena qualcosa non si incastra nella griglia che mi sono mentalmente creata mi innervosisco. Fin troppo.
Ma questa sera il mio angioletto mi ha riportato coi piedi per terra e mi ha fatto capire cosa sta succedendo.
L'angioletto in questione è Michelangelo che stasera ha fatto uno dei suoi capricci impuntandosi in maniera cocciuta e con aria strafottente, atteggiamento che in questo periodo fatico ad affrontare. Mentre lo mettevo a letto ha sentito il bisogno di spiegarmi il suo comportamento.
-Mamma mi dispiace per prima. Non volevo farti arrabbiare, Io volevo fare quello che mi hai detto ma il mio cuore me lo ha impedito. Mi ha detto di non farlo. Ora gli parlo e gli dico di non farlo più.
Muove l'addome su e giù come se stesse dialogando con il suo cuore.
-Ecco gli ho parlato e ha promesso che si comporterà bene d'ora in poi.
Rimango un po' in camera loro, seduta sul suo letto a fargli le coccole e chiacchierare un pochino per non farlo addormentare con l'amarezza della sgridata ancora in mente. Ad un certo punto strabuzza gli occhi - Cosa?! esclama.
Gli chiedo cosa stia succedendo ma lui va avanti - No, se ti diamo fastidio mentre parliamo chiuditi dentro con la tua porticina
Poi torna a spiegarmi - il cuore si lamenta che non riesce a dormire perchè stiamo parlando. Ha bisogno di silenzio. Si è chiuso dentro. Sai che il cuore ha una porticina che può chiudere e aprire con una chiave. Adesso dormo. Buona notte mamma.
- Buone notte Miche
- Cuore puoi aprire la porta adesso, non parliamo più.... Non sente.

D'ora in poi so cosa fare se ho bisogno di tirare un attimo il fiato e rallentare.
Chiudo la porticina

5 commenti:

  1. ....gia'....
    andare di fretta fa perdere di vista le cose belle.......... perche' le cose belle sono lente... ;-)

    RispondiElimina
  2. ....e vanno assaporate lentamente per conservarne il gusto e la memoria....

    RispondiElimina
  3. E' un genio della filosofia.......baci

    RispondiElimina
  4. Quanto avete ragione... sto correndo troppo e la cosa brutta è che mi trovo su un tapis roulant, per cui in realtà non mi sto muovendo di un centimetro!

    RispondiElimina

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin