martedì 3 novembre 2009

I grandi misteri: l'inglese


Nella foto col nonno Claudio

Max - stamattina - al telefono: si riceveremo una mail da Roma con il preventivo, si, si da Roma, la sede è là.
Gli occhietti di Miche guardano in giro veloci e si soffermano sul mio viso: Mamma, da Roma?! dice tutto allarmato - Si, Miche, la sede è a Roma
....
Lo vedo perplesso, poi esplode: Beh allora arriverà in inglese
...
...
La lascio così, non gli dico niente, sarebbe rovinare tutto. :)

Quello dell'inglese è sempre stato un mistero sia per Miche sia per Lorenzo. Qualche mese fa Miche chiedeva del nonno Luciano a mia mamma (mio papà, morto quando ero al terzo mese di gravidanza di Miche, per cui nessuno dei due l'ha mai visto): nonna ma allora quando muoio vado in cielo anch'io e lo vedo il nonno Luciano?
Si Miche, ma succederà tra tantissimi anni, tu sei molto giovane, hai tutta la vita davanti - dice mia mamma
...
Ma allora ci vai prima tu dal nonno Luciano, che sei una povera vecchia, vero?
...
...
Nel frattempo Lorenzo, tutto allegro e sorridente tuona: Anch'io quando muoio vado dal nonno Lussano... ma cosa parla? Inglesel?!
...
Un genio.

3 commenti:

  1. che tesori, non lo sono tanto quando danno della "povera vecchia" alla loro nonna, mi sento tirata in causa, però non mi sento povera!

    RispondiElimina
  2. parlando con la nonna potevano parlare di altri defunti che stanno resuscitando, a parte le mie cazzate sono stati troppo forti lasciali crescere lentamente senza fretta, lo dici anche tu che le cose belle sono lente.

    RispondiElimina
  3. Mi hai fatto ricordare l'ingenuità dei bambini, mi hai fatto venire in mente una delle uscite di mio fratello, quand'era piccolino! Ad una zia che vedevamo di rado, disse come un tuono " Ma zia lo sai che sei proprio scheletrita!!!"
    Ti lascio immaginare la faccia di mia madre....io scoppiai a ridere!

    RispondiElimina

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin