lunedì 2 gennaio 2012

Più che un gioco una mania



In questi giorni ho avuto un'idea che mi si è ritorta contro... come spesso accade. Ho insegnato a Miche e Lorenzo a giocare a Mercante in Fiera e ora sono diventati compulsivi... Lo spirito da acquirenti che alberga in loro vi trova grande soddisfazione.

-Mamma...
-Dimmi, Miche
-Vorrei giocare al matto in fiera
...
-Ancora? Ok, una sola partita e basta però... è la sesta oggi!
Ovviamente si aggrega anche Lorenzo
-Posso farlo io quello che vende?
-Ok Lorenzo, comincia con le carte, dai
Con le sue manotte grasse comincia a pescare le carte da eliminare. Lorenzo non ha ancora 5 anni, non sa leggere e deve "descrivere" le carte che vede.
Pesca la carta dell'artista... la guarda un po' con Miche che tira il collo per guardare.
-Mmmm... ah sì! La DIPINGITRICE
...
Intanto Edoardo passeggia per la sala con un paio di mutande infilate in testa...
-Dai Lorenzo! Vai avanti... pesca ancora
Miche incalza e da qui in poi viene creato un mazzo di carte mai visto prima:
Il lattante diventa il lattaio, le piramidi la torre di sabbia, il moschettiere "tregone di idiozie" (non so cosa sia...) e poi gatto con gli stivali perché, chissà come mai, nessuno riusciva a individuare il tregone. Un ramo di mele diventa pomodori, il bersagliere è ribattezzato trombettista. E poi due classici: vengono pescati prima il pagone e poi il tanguro, ma questi son facili.
Un bel duetto tra i due fratelli "senior" quando Lorenzo pesca l'ancella
-La bagnatrice!
-Ma Lorenzo! Questa non è la bagnatrice! Si chiama ANGELA, c'è scritto! Prova a leggere!
-Ma amore, Lorenzo non sa leggere!
Lorenzo pesca una carta. La guarda, sbatte gli occhi, mi guarda. Miche apre la bocca, lo fulmino con lo sguardo.
-P...A...cos'è questo?
-Una G amore
-O...D...A... PAGODA!
...
...
Mi guarda tronfio e un po' stupito
-Io leggo!

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin