martedì 24 aprile 2012

Favole...



Lorenzo è un appassionato di storie. La sera prima di andare a letto leggo a tutti e tre un libretto o un po' di libro. I libri sono rigorosamente scelti da loro, anche se a volte mi chiedono consiglio, allora io mi azzardo con qualche proposta.
Qualche tempo fa ci siamo letti tre libri di Gianni Rodari. Essendo appassionato di nasi è entrato subito in sintonia con Il naso che scappa delle Favole al telefono e con A toccare il naso del re di Giovannino Perdigiorno. Finiti quelli mi ha chiesto qualche altra proposta. E lì gli ho proposto il Visconte dimezzato di Italo Calvino. Gli è piaciuto un sacco.
Ora ha cominciato a inventare le favole e quando viene la nonna Carla la mette al lavoro dettandole la storia del giorno.

Ecco quella di ieri

 L'uomo che sapeva di burro

L'uomo che sapeva di burro andava (non sapeva ancora di burro), incontrava una roba da mangiare che lo faceva sapere di burro. Era diventato gigantesco, attaccava la città, era un pericolo.
Arrivò una rana gigantesca come l'uomo e l'uomo con un pugno la faceva volare via, distruggeva tutta la  città e la gente.
Poi si controllava, andava a casa sua, incontrava la rana gigante e combattevano.
C'era un altro uomo che sapeva di burro uguale a lui, solo che era un robot.
L'uomo vero lo colpì sulla faccia e scoprì che era un robot, poi lo distruggeva e sono arrivati i pompieri, gli versavano l'acqua e lo distruggevano ancora  di più. Il cattivo che aveva programmato il robot era sulla città dell'uomo che sapeva di burro.
L'uomo che sapeva di burro lo ammazzava e vissero felici e contenti.

FINE

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin