martedì 3 aprile 2012

Mordi e fuggi



Siamo a casa. Tutti insieme. I bambini giocano, noi ci rilassiamo chiacchierando mentre aspettiamo la visita di un amico.
-Eccolo! Arriva
Miche salta giù dal divano e gli va incontro alla porta tutto festante. Lorenzo attende sorriso-munito presso il divano, Edoardo comincia a passeggiare mulinando le braccine nell'aria.
-Ciao, come stai? Tutto bene?
Un paio di convenevoli e l'ospite viene letteralmente rapito dai bambini che lo trascinano sul divano.
Gli squilla il cellulare. Lui guarda il display. Faccia preoccupata.
-Scusatemi un secondo. Esce dalla porta di casa per parlare in privato.
I bambini cominciano a guardarci con la faccia da punto di domanda. Edoardo si avventura verso la porta e bussa per farlo rientrare.
Si riapre la porta.
-Scusate... ho un problema, torno tra poco
Sparisce.
A Edoardo cade il ciuccio di bocca mentre fissa la porta che si chiude e lo vede sparire di nuovo. Con le manine unite, protese in avanti comincia, a modo suo, a esprimere il suo dissenso
-E e e eneeeeee. E neeeeeee
Ha lo sbigottimento dipinto in volto, cammina nervosamente avanti e indietro.
...
Io e Max siamo sconcertati. Per l'accaduto, non per Edoardo.
...
Dopo circa 3 ore
-mah... ammazza quanto parla al telefono!
...
Miche è sempre sul pezzo

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin